.
Annunci online

leggerezza del blog
SOCIETA'
8 gennaio 2009
Trappole mediatiche
Notava giustamente Gilioli il diverso trattamento di due stupri, che a seconda della stagione hanno trovato un peso mediatico completamente diverso. Li chiama gli "stupri a targhe alterne". Ve lo ricordate la stupro avvenuto a La Storta, periferia di Roma? Era il periodo dell'emergenza sicurezza e ha aperto i telegiornali, facendo da apripista per una lunga stagione di terrore. A capodanno in una festa nella Nuova Fiera di Roma c'è stato uno stupro ed è naturalmente scivolato tra le notizie di cronaca. Vi sembrano tragedie molto diverse?

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. media sicurezza

permalink | inviato da postcrazia il 8/1/2009 alle 17:13 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
13 marzo 2008
new media, new minds

ogni tecnologia è una psicotecnologia” 
Una psico-tecnologia in quanto trasforma la mente nella sua struttura.
Lo è sicuramente nel senso dell’estensione. Abbiamo protesi di immagazzinamento di dati e sistemi estensivi dei campi di comunicabilità.
E’ ancora più vero nel senso della riprogrammazione. Nello sviluppo di modalità cognitive e procedurali multitasking, forgiate su un orizzonte di parallelismo e simultaneità, segnate dall’accessibilità e restie all’asimmetria top-down.



Si affaccia progressivamente una generazione nata in questo contesto, una generazione di menti nuove proiettate nella real life con un assetto mentale plasmato dalla concatenazione non lineare.
Una generazione-x evoluta, se non altro in senso temporale. Una generazione che merita di essere guardata.

In questa situazione si può dire che questa generazione conviva con altre menti (le menti “passate”) affette da un digital divide.
Lo considero un ritardo, un handicap comunicativo, soprattutto in quello che si configura come un territorio nuovo. Forse il web costituisce il primo caso nella storia di uno spazio emerso dal nulla.
Uno spazio orizzontale, con un orizzonte non visualizzabile. Per questo uno spazio difficile da calpestare, che impone un manifestarsi a prescindere da un feed-back breve, senza la possibilità di aggiustamento istante per istante sulle reazioni del contesto.

Tutto questo accade sotto gli occhi tutti. Taluni attoniti, ancora si chiedono se tutto ciò sia reale.


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. media

permalink | inviato da mauro.p il 13/3/2008 alle 19:45 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (15) | Versione per la stampa
POLITICA
11 marzo 2008
democrazia diretta, orizzonte permanente

Credo che sia vero. Credo davvero che stiamo riscrivendo le regole del fare politica. Credo cioè che questi passi facciano parte del lungo cammino verso modi nuovi di partecipazione.
La nostra è un'idea ambiziosa di democrazia, un'idea che scommette sulla libertà degli individui. Scommette cioè sull'accessibilità a modi non illusori per contribuire alla causa del vivere insieme.
Sì, perchè "insieme" è il vero elemento di novità. E' il credo di chi ritiene di possedere verità provvisorie e parziali, bisognose di essere integrate con i pezzi portati da chi ci sta intorno.
Questo modo di credere nella pluralità delle verità, nella costruzione continua dei percorsi collettivi, tutto questo fa parte della nostra idea di democrazia.
Un'idea che uscirà rinnovata, rinvigorita dal bagno nelle acque del web. Un percorso appena all'inizio, per i cui risultati ci troviamo a gioire: insieme, ogni giorno.


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. media inPD

permalink | inviato da mauro.p il 11/3/2008 alle 16:54 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (6) | Versione per la stampa
sfoglia
dicembre        maggio

Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom
Resta aggiornato con i feed.

blog letto 1 volte