.
Annunci online

leggerezza del blog
POLITICA
8 gennaio 2009
Con i rom si ragiona a chili
Con i rom funziona così, si ragiona a chili, mettendo insieme strategie legate all'efficacia degli slogan. Qualcuno a un certo punto sospetterà che dietro a quei volti si nascondano delle persone, ma sarà troppo tardi e saremo per l'ennesima volta di fronte a un'occasione sprecata.

Adesso Alemanno, dopo aver compiuto una spettacolare ascesa fondata tra l'altro sulla criminalizzazione dei rom, si trova ad adottare un piano sostanzialmente identico a quello pensato dalla giunta Veltroni e basato sui maxi-campi fuori dal raccordo anulare, completamente sradicati dal tessuto cittadino e sorvegliati. Una soluzione pessima e neanche troppo originale.

Se non ci sarà un imprevedibile colpo di scena, al prefetto non resterà che piegare su aree interne al comune di Roma, e qui subentra il piano del generale Mario Mori, capo dell´ufficio sicurezza del Campidoglio, che sostanzialmente ricalca quello dell´ex sindaco Walter Veltroni

"Il modello sarà Castelromano...", un campo che visto dall'alto appare così...


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. roma alemanno rom

permalink | inviato da postcrazia il 8/1/2009 alle 18:2 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
POLITICA
27 dicembre 2008
Il fallimento del censimento
Non ho intenzione di commentare in alcun modo le affermazioni di Alemanno a proposito del fallimento del censimento dei nomadi (oggi il Messaggero di Roma apriva con "Il sindaco: fallito il censimento"). Nella maniera più assoluta, non ho alcuna intenzione di dire che pure un deficiente avrebbe potuto prevedere l'esito: lo penso, ma me lo tengo per me. Perchè in realtà quella propaganda razzista i risultati li ha avuti e sono nel rogo di Ponticelli, nelle convinzioni della società, nel veleno che una volta sparso resta nella terra per un sacco di tempo... e noi ai voglia a parlarci addosso.

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. rom

permalink | inviato da postcrazia il 27/12/2008 alle 20:36 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
POLITICA
15 dicembre 2008
Tra soccorso e usurpazione
Sofri (padre) invita Rutelli a rimangiarsi la proposta di sottrarre i bambini mandati a chiedere l'elemosina dai genitori, con una delicattissima riflessione sugli affetti.

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. rom

permalink | inviato da postcrazia il 15/12/2008 alle 11:55 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
SOCIETA'
12 dicembre 2008
Brucia la casa degli zingari


La fine di Savorengo Ker, una buona idea realizzata a luglio e raccontata da queste parti. Purtroppo mi ritrovo nei panni del profeta di sventura, avendo previsto la fine che ha fatto. Ovviamente non si sa in quali circostanze abbia preso fuoco: qualche dubbio ce l'ho, ma non lo dico...

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. rom casilino 900

permalink | inviato da postcrazia il 12/12/2008 alle 10:26 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (3) | Versione per la stampa
SOCIETA'
4 dicembre 2008
Pane al pane
Sono stati sequestrati beni per il valore di 1 milione di euro a quattro rom del Casilino 900. L'unico commento che un paese civile può fare è essere contenti che un pezzetto di legalità venga ripristinata. A prescindere dall'etnia, ovviamente. Poi vorrei che qualcuno si chiedesse un attimo prima come campa un nullatenente e soprattutto spero non sia un alibi per immaginare che tutti i poveri nascondano un tesoro da qualche parte, magari sull'Isola che non c'è.

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. rom casilino 900

permalink | inviato da postcrazia il 4/12/2008 alle 17:43 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
SOCIETA'
3 dicembre 2008
Elemosina, schiavitù e la retorica che ti aspetti
Rutelli fa da sponda alla Lega. Usando la retorica della schiavitù a mio avviso si fa molta più fatica a scendere nella complessità dei problemi, soprattutto quando sono sostenuti da un intreccio sottile di indifferenza e tradizione. Buttare a mare le esperienze sul campo, chiedere piuttosto che sia la pancia del paese che vive in appartamento ad occuparsi di condannare le differenze, ci porta lontano da un orizzonte delle soluzioni.

Qualcosa va fatta. Ma quel qualcosa deve avere il segno di una politica di sostegno e non il colore della repressione ("arresto immediato"?!), che ha il solo effetto di aumentare le distanze, alimentare le esclusioni, seminare un futuro impraticabile. Fare chiarezza richiede pazienza.

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. rom

permalink | inviato da postcrazia il 3/12/2008 alle 9:37 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (4) | Versione per la stampa
POLITICA
26 novembre 2008
ACQUA IN CAMBIO DI SGOMBERI
Lo ribattezziamo "teorema Alemanno". Al Casilino 900 Alemanno ha stabilito che i rom potranno riavere luce e acqua potabile solo quando sarà fissata la data dello sgombero.

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. rom

permalink | inviato da postcrazia il 26/11/2008 alle 9:6 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa
CULTURA
11 novembre 2008
SE VI RUBANO UN BAMBINO, PRIMA CERCATELO IN CASA



La notizia che i rom non rubano i bambini guadagna posizioni. Ce ne eravamo occupati da queste parti (Gli zingari restituiscono i bambini): poi lo studio di Migrantes ha messo la parola fine alla vicenda. Nessun esito: mai nessun rapimento. Mai.

La notizia guadagna posizioni. Ne parla Repubblica, ne parla diffusamente Alessandro Gilioli. Chi teme per i propri bambini deve cercare altrove, più vicino. Speriamo che presto chi tra una battuta e un'altra infila qualche stupidaggine sugli "zingari rapitori" diventi lo zimbello: un po' per volta questa leggenda metropolitana dovrà crollare... 

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. rom

permalink | inviato da postcrazia il 11/11/2008 alle 12:13 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa
POLITICA
30 ottobre 2008
LA VERITA' CHE NON CONTA: GLI ZINGARI E L'ITALIA

Alla fine ricorderemo soltanto che sono stati schedati, che erano tanti, che elemosinavano e rubavano i nostri portafogli, che qualcuno ha messo fine a questa invasione e ha dato loro una lezione.

L'emergenza è rimandata a data da destinarsi. E anche se oggi che i dati smentiscono il polverone, sembra che la verità non interessi a nessuno. A me questo modo non piace. Credo valga la pena ripercorrere le tappe che negli ultimi mesi hanno trasformato i rom nel bersaglio facile, sul quale si è speculato per motivi tuttaltro che nobili.


La strumentalizzazione ha di sicuro contribuito a portare la destra al governo (a Roma di sicuro lo spettro ha "funzionato"). Una volta al potere qualcosa andava fatto ed è stato a qual punto che si è creata la strabiliante equazione "impronte + censimento = integrazione": lo so che non regge nel modo più assoluto, ma i più ci sono cascati.

Dopo varie proteste, dopo l'intervento dell'Europa (che di fronte ad un'ipotesi di "schedatura etnica" ha giustamente drizzato le antenne), in un clima incandescente (questo video può aiutare a ricordare la popolarità che ha toccato la caccia allo zingaro), dopo settimane di titoloni e smentite sono arrivate le linee guida dopo le quali neppure un'impronta è stata presa. Gli spettatori della nostra democrazia continueranno a pensare il contrario, ma se la realtà ha ancora un senso i numeri sono questi.

A luglio parte il censimento: per la realizzazione viene scelta la Croce Rossa, mentre i mezzi di confusione di massa aiutano il ministro Maroni a consolidare l'equazione strabiliante e a far slittare l'Operazione Rom dal capitolo "sicurezza" al capitolo "integrazione". A più riprese Maroni chiede tempo, chiede di aspettare che il censimento sia concluso e indica la data di ottobre.


Ottobre è arrivato, insieme a dati semplicemente ridicoli.


12.346 persone censite su una popolazione stimata di 5.000.000 rappresentano lo 0,24% (già ne parlai qui). Il numero di campi sbandierato da Maroni (167 nelle 3 città) sottintende una valutazione molto larga del concetto di campo, dato che il numero medio di persone presenti risulta essere 80. Considerando l'esistenza di campi di dimensioni doppie o triple, vuol dire che il ministro ha ritenuto di dover considerare campi anche aggregati di 3 o 4 nuclei familiari.

Questi dati hanno avuto una risonanza bassissima: nel frattempo la temperatura sul tema è scesa ed è evidente che con dati del genere il teorema dell'invasione non può reggere. A ciò si aggiunge che la crisi economica è arrivata in modo dirompente e ha smascherato la vacuità delle accuse nei confronti di immigrati e rom come causa di tutti i mali.

Ma il dubbio è che le operazioni populistiche annunciate prima dell'estate (censimento Rom e militari in piazza) abbiano già realizzato i loro obiettivi: dare l'impressione che qualcosa si muovesse, comunicare al paese che qualcuno si stava occupando delle sue emozioni, dei suoi istinti.


All'Italia piace la magia. Ci piace credere che per trasformare la realtà non ci sia bisogno di faticare. Alla complessità dell'analisi, alla pazienza dei fatti, il nostro paese mostra un'irresistibile preferenza per la rapidità dello spot. Ci piace pensare che basti uno slogan per cambiare il mondo.

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. rom

permalink | inviato da postcrazia il 30/10/2008 alle 18:49 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa
POLITICA
23 ottobre 2008
TUTTO QUA?
Prime considerazioni sui risultati del censimento rom

A giudicare dal polverone che l'ha preceduto, a giudicare dal danno incalcolabile in termini di esacerbazione del razzismo e riduzione della coesione sociale, il risultato del censimento dei rom è sconcertante.

Tra Roma, Milano e Napoli (popolazione totale: 5 milioni di abitanti) sono stati censiti 12.346 rom. 12.346.

  I blu che invadono gli arancioni

E' un numero talmente esiguo che mette in ridicolo le strumentalizzazioni con le quali la destra ha soffiato sul fuoco: ve la ricordate l'invasione? Sono dei numeri talemente bassi che hanno costretto Maroni ad affermare che si stimava una presenza di altre 12.000 persone, le quali al momento del censimento non si sono fatte trovare. Un censimento ha come obiettivo la rilevazione esatta di numeri. Un'operazione che porta con sè una grossolanità di questo tipo, "perdendosi" il 50% del campione, può essere tranquillamente definita un fallimento.

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. rom

permalink | inviato da postcrazia il 23/10/2008 alle 18:1 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (4) | Versione per la stampa
DIARI
9 ottobre 2008
GLI ZINGARI RESTITUISCONO I BAMBINI


Non mi stupisce che la notizia di un finto rapimento fosse in prima pagina e la sentenza di assoluzione sia ignorata. Però mi inquieta. Senza complottismo, mi sembra che ci sia comunque un'opera sistematica di costruzione del mostro.

In quei giorni di maggio - e oggi non è cambiato molto - il mostro erano gli zingari. Gli zingari ladri di bambini. La stampa aveva preso al volo la notizia del tentativo di rapimento nel parcheggio di un supermercato e ne aveva fatto un bocconcino succulento da dare in pasto alle migliori intenzioni di razzismo.

Adesso che un giudice ha assolto i due giovani rom dalle accuse, ritagliamoci almeno qualche minuto per registrare la notizia. Se poi ci fa comodo far sopravvivere il mostro, non so che farvi...
(grazie a Luca)

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. rom

permalink | inviato da postcrazia il 9/10/2008 alle 10:52 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (3) | Versione per la stampa
POLITICA
31 marzo 2008
Zingari, società, una sfida per la nostra modernità

Vengo da un fine settimana passato a Bologna, lontano dal D-Day e dalla campagna elettorale di stretta osservanza.
Vengo da un "bagno" al
Vag61, un centro sociale. Un bagno di ascolto e scambio per cominciare davvero questo cammino di avvicinamento al popolo rom…
Un modo di ricordarci di
chi siamo. Un modo per riaffermare che per vivere in pieno questa vita, un pizzico di follia non guasta…

C’erano momenti migliori? Forse.
Ma credo sia stato un modo per riaffermare il primato del nostro essere società, anche sull’impegno politico.
Perché se non ci lasciamo attraversare da questa realtà, dalla sua complessità, se non lasciamo che l’indignazione per le ingiustizie che ancora la attraversano possa risvegliarsi, se non cerchiamo poi di incanalare questa rabbia nei modi e nelle forme della razionalità, se decidiamo di prescindere da tutto questo… la politica è ridotta a un guscio vuoto.

Questo viaggio è stato allora un bagno in una nicchia che continua ad essere attenta alle richieste di giustizia del popolo rom. Ma è pur sempre una nicchia.
Esco allora da questo bagno ancora più convinto che quelle istanze debbano rompere gli argini per essere portate con forza “fuori”, piuttosto che relegate in una battaglia di testimonianza.
Magari nei quartieri, per operare il miracolo della contaminazione. Magari nel campo di un grande partito-società dove possano giocarsi le loro chance di contundenza.
Comunque sospinte da un pizzico di follia…


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. bologna integrazione rom vag61 essere società

permalink | inviato da mauro.p il 31/3/2008 alle 12:50 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (5) | Versione per la stampa
SOCIETA'
12 marzo 2008
rom, essere nel mondo, dubbi e progetti

Quanto manca alla loro integrazione? Quanto dista il giorno in cui potremo dire davvero di con-vivere?

Ieri sera Giulia ha portato a casa la possibilità di partecipare a un progetto in un campo nomadi della periferia di Roma.
Sono entrato allora in un trambusto di pensieri.
Il tempo sarebbe da ritagliare tra percorsi ai quali tengo molto; nella marginalità estrema hai la responsabilità di dare il meglio che è nelle tue corde; il pensiero è andato quindi ai molti fallimenti, agli errori, alle delusioni di coloro che ci hanno già provato e si sono tuffati in questo groviglio di dis-agio e dis-diritto.
Ho pensato alle strumentalizzazioni fatte sulla pelle delle persone, agli espropri di futuro, alla spirale di isolamento provocato dai muri che si innalzano tra culture, all’intolleranza generata dai soprusi quotidiani in modo bidirezionale… Non sarà facile decidere.

La domanda iniziale resta in piedi, attuale e intatta. E credo non debba riguardare solo me…
 


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. integrazione bambini rom dubbi progetti

permalink | inviato da mauro.p il 12/3/2008 alle 8:26 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (13) | Versione per la stampa
sfoglia
dicembre        maggio

Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom
Resta aggiornato con i feed.

blog letto 1 volte